A cura dello Staff Medico

 

Le 10 tappe per una corretta prevenzione orale... Facciamo insieme questo percorso!

1) Lavare i denti tutti i giorni e almeno due volte al giorno: mattina e sera, dopo i pasti, il lavaggio dei denti diventa la principale misura di prevenzione.
2) Usare una pasta dentifricia: l’uso di una pasta dentifricia contenente fluoro, o altre sostanze in grado di prevenire la carie è un aiuto indispensabile.


Le diete Vegetariane (al plurale), come giustamente hai scritto nella domanda, comprendono tutte le diete a base di vegetali con alcune eccezioni che andiamo ad illustrare.

Iniziamo con la definizione della parola "vegetariano", che nella letteratura scientifica viene utilizzata per indicare tutte le varianti dell'alimentazione a base vegetale: latto-ovo-vegetariana (LOV), latto-vegetariana (o ovo-vegetariana) (LV o OV), vegana (100% vegetale).


Prendersi cura della propria igiene orale, effettuando almeno una volta all’anno una visita odontoiatrica e, almeno, due volte al giorno effettuare una attenta igiene orale con spazzolino, del filo interdentale o dello scovolino insieme all’utilizzo costante di dentifrici e collutori fluorati, è il modo migliore per prevenire l’insorgere di patologie come carie e malattie parodontali.


Il PSA (Antigene Prostatico Specifico) è un enzima che viene prodotto dalla prostata e che aumenta in diverse situazioni; per Cause Fisiologiche quali: Età, Attività sessuale, Attività Fisica intensa, Uso della bicicletta; per Malattie benigne quali: ingrossamento della ghiandola (Ipertrofia Prostatica), Prostatiti (infiammazioni), Ritenzione Urinaria, Ischemia Prostatica. 

Altre Cause possono ricondursi a: farmaci, terapie iniettive, esplorazione rettale, ecografia transrettale.


Innanzitutto, ricordiamoci che non vale più il detto che la pressione aumenta in funzione dell'età: per esempio, a 50 anni avere la pressione sistolica (massima) a 150 è normale… NO, non è così! L'Organizzazione Mondiale della Sanità e varie società scientifiche hanno stabilito che la pressione massima (sistolica) per ritenersi normale non deve superare i 130-5 mm/Hg e la minima (diastolica) gli 80-5 (qualcuno più tollerante arriva a 140/90, ma siamo già a livello di attenzione!)

Sulla base di queste informazioni, aiuta il tuo medico a diagnosticare una ipertensione, cominciando a misurala con apparecchi affidabili (sempre al braccio e non al polso) 3 o 4 volte al giorno ad orari stabiliti (per es. mattina, dopo pranzo, sera, dopo cena) e trascrivili su un foglio predisposto con giorni ed orari. In funzione di questi risultati, il tuo medico di famiglia potrà consigliarti fin da subito il da farsi.


Scegli tra i tanti servizi che Saniclic ti offre

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioni Accetto