A cura dello Staff Medico

 

I Trigliceridi sono lipidi (grassi) che vengono assunti attraverso gli alimenti che mangiamo. Quando il cibo viene digerito, i grassi che esso contiene vengono trasformati in Trigliceridi e trasportati  in tutto l'organismo  per essere utilizzati come energia o accumulati sotto forma di grasso di deposito. I Trigliceridi si combinano con le proteine presenti nel sangue per formare le Lipoproteine ad alta e bassa densità.


I seni paranasali sono cavità piene d’aria che si trovano nel viso e nella testa, tra le sopracciglia e gli zigomi e tra gli occhi. Solitamente i seni sono rivestiti da una membrana mucosa che produce e fa circolare il comune muco nel naso contribuendo a filtrare oltre l'aria che si respira anche polvere e particelle.


L'asma è una malattia cronica infiammatoria delle vie aeree inducente ostruzione bronchiale reversibile (migliora o scompare con la terapia) che colpisce in Italia circa 4 milioni di persone.

Può essere Estrinseca (allergica), Intrinseca (non allergica), Professionale (da sostanze presenti nel luogo di lavoro). Tutte queste forme hanno analoghe caratteristiche, il processo flogistico delle vie aeree ne rappresenta l'alterazione comune. E' chiaro che in funzione del tipo di Asma la terapia e la prevenzione della sintomatologia asmatica cambia. La allergica deve tener conto degli allergeni che la causano, la non allergica altre cause (multifattoriale).


Per sconfiggere il cancro al seno, la Diagnosi Precoce resta un'arma fondamentale.

La Tomosintesi Mammaria è una nuova tecnica digitale, presente solo in alcuni centri qualificati del nostro Paese: si tratta in pratica di una Mammografia Tridimensionale ad Alta Definizione, un passo avanti della tecnologia e un elemento di grande rilevanza clinica per la diagnosi precoce della patologia neoplastica della mammella.


Il medico mi ha prescritto gli esami del sangue, tra questi un esame chiamato Omocisteina. A cosa serve? Perché me lo ha richiesto?

L’Omocisteina è una sostanza prodotta nel nostro organismo dalla degradazione di un altro aminoacido la “Metionina” (che viene assunto con il cibo) ed il cui metabolismo viene regolato dall’azione di enzimi e vitamine (ac. folico, vit B12 e vit. B6). La carenza di tali vitamine provocano nel sangue un aumento di questa sostanza, (Iperomocisteinemia).


La saliva è uno dei più importanti sistemi di difesa della salute della nostra bocca e la sua composizione ha un pH neutro (valori da 6.5 a 7.5), che subisce variazioni quotidiane a causa del cibo; tuttavia il suo valore viene normalmente ripristinato nel giro di un paio d’ore dall’ingestione di alimenti e bevande.


La fibromialgia è un disturbo che causa dolori e indolenzimento in tutto il corpo e molti altri sintomi. Tende a perdurare nel tempo ma non è pericolosa per la vita. Molte persone affette da Fibromialgia possono soffrire anche di altre patologie come disturbo della articolazione temporo mandibolare (masticazione), colon irritabile, cefalee, sindrome delle gambe senza riposo, cistite ricorrente, ma non è nota la loro correlazione.


Cibo e salute orale hanno un rapporto stretto e correlato: la prevenzione comincia, ovviamente a tavola, una dieta corretta associata ad una attenta igiene orale permette non solo di prevenire la carie ma anche le malattie paradontali.
Ovviamente il cibo non è sempre un problema per la salute orale, ci sono alimenti da evitare ed altri, invece, che possono aiutare a mantenere sano il nostro sorriso.


Lo sviluppo del M. di Alzheimer è correlato all'accumulo nel tessuto cerebrale di due proteine anomale (beta-amiloide e tau) che causano la morte delle cellule cerebrali (neuroni). La diminuzione costante dei neuroni porta al peggioramento progressivo della funzionalità cerebrale ed ai sintomi di demenza (declino delle capacità mentali tra cui memoria, linguaggio e pensiero logico).


La Celiachia è una intolleranza permanente al glutine. Il Glutine è una sostanza proteica presente in numerosi alimenti che contengono: avena, frumento, farro, grano Kamut, orzo, segale e tricale.

L'incidenza di questa intolleranza in Italia è stata stimata in un soggetto ogni 100 persone. I celiaci potenzialmente dovrebbero essere 600.000 ma, fino ad oggi, ne sono stati diagnosticati solo circa 150.000. Le donne sono le più colpite con più del  65% dei casi.


Scegli tra i tanti servizi che Saniclic ti offre

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioni Accetto